La primavera 2017 è stata la seconda più calda dal 1900. Lo rende noto l’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima (Isac) del Cnr, che ha registrato un’anomalia di +1,9 gradi rispetto alla media del periodo di riferimento 1971-2000. In cima alla classifica c’è la primavera 2007 (+2,2 gradi).

I singoli mesi primaverili hanno fatto registrare tutti e tre anomalie positive pari a +1,6 gradi per aprile e maggio, mesi che si pongono rispettivamente al  17esimo e al 14esimo posto nella classifica dei mesi più caldi  dal 1800 ad oggi, e +2,5 gradi per marzo (quarto mese più caldo di sempre).

La primavera 2017 passerà alla storia anche come una delle più asciutte: è la terza più secca dal 1800 ad oggi, con un -50% di piogge rispetto al periodo 1971-2000.